PEC: mbac-sab-tos[at]mailcert.beniculturali.it   E-Mail: sab-tos[at]beniculturali.it   Tel: (+39) 055 / 271111

Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana

Archivi orali e audiovisivi

A partire dalla fine degli anni Ottanta la Soprintendenza archivistica della Toscana ha cominciato a considerare la memoria individuale e collettiva come un vero e proprio archivio. Si è quindi impegnata sia sul fronte della salvaguardia, valorizzazione e tutela degli archivi orali e audiovisivi presenti sul territorio regionale, sia nel promuovere e realizzare, come istituzione, un archivio di memorie orali raccolte dall'archivista e storico orale Giovanni Contini.

Il progetto "Archivio Vi.Vo."

Il progetto Archivio Vi.Vo., coordinato dall'Università di Siena in collaborazione con il nodo CLARIN-IT dell'Istituto di Linguistica Computazionale del Centro Nazionale Ricerche di Pisa e con la Banca della Memoria del Centro Ricerche ed Educazione del Casentino, persegue l'obiettivo strategico di coordinare e integrare interventi e relative risorse in ordine alla tutela, valorizzazione e fruizione del patrimonio archivistico regionale mediante la “realizzazione e la promozione di una specifica progettualità relativa alle fonti orali e audiovisive finalizzata sia alla salvaguardia di queste tipologie che al loro utilizzo all’interno di una infrastruttura informatizzata che ne consenta la descrizione e la fruizione allargata in vari ambiti disciplinari”. Il progetto di ricerca Archivio Vi.Vo. si colloca nel quadro di programmazione e finanziamento per il triennio 2019-2021 previsto dall’“Accordo per la valorizzazione del patrimonio archivistico e bibliografico, il coordinamento degli interventi e della tutela in materia di archivi e biblioteche” sottoscritto da Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Toscana e Regione Toscana.

 

Il gruppo di lavoro sulle linee guida per le fonti orali

Come raccogliere le testimonianze orali? Come organizzarle, descriverle e conservarle? Queste sono alcune delle domande cui si è cercato di rispondere predisponendo un Vademecum pensato per il ricercatore che lavora sulle fonti orali, anche occasionale. Il Vademecum sarà presentato online il 27 ottobre 2020 dagli autori e da alcuni ospiti speciali nell'ambito della Giornata Mondiale dell'Audiovisivo.

 

Il progetto "cinema familiare"

Nel corso degli ultimi anni si è attivata una collaborazione con l’Unione dei Comuni Montani del Casentino e in particolare con il CRED (Centro Risorse Educative e Didattiche Mediateca Banca della Memoria) Casentino, Poppi, Arezzo.

Il CRED da anni raccoglie e salva in digitale quello che viene definito “cinema familiare” cioè i filmati su pellicola che in vari formati vennero prodotti dalle famiglie italiane e da altri agenti a partire dagli anni Venti del Novecento Si tratta di una produzione sterminata che però viene reperita con una certa difficoltà e dal momento che spesso gli autori dei documenti o i loro eredi non dispongono più della tecnologia necessaria a proiettare i filmati esiste un rischio notevole che essi vengano distrutti; la Soprintendenza archivistica ha aiutato il CRED in questa attività di raccolta e salvataggio. I filmati offrono uno spaccato inedito di come la società si autorappresenti: abbiamo infatti filmati relativi alle feste rurali, ai matrimoni, alla vita familiare, ai concorsi locali, ai carnevali, al lavoro industriale e agricolo, le vacanze in mare o in montagna, i viaggi. nel 2012, da un accordo tra Soprintendenza archivistica, Direzione Generale Archivi e CRED è scaturita un’interessante selezione del materiale pubblicata sotto il nome "Filmati di famiglia dei Comuni montani del Casentino".Direzione Generale per gli Archivi - Filmati di famiglia dei Comuni montani del Casentino

 

L'archivio orale della Soprintendenza archivistica e bibliografica della Toscana

L'archivio orale della Soprintendenza raccoglie prevalentemente interviste condotte dall’archivista e storico orale Giovanni Contini che ha raccolto testimonianze e memorie relative agli antichi mestieri della Toscana e alle stragi del secolo scorso.

Gli antichi mestieri: le interviste

La memoria delle stragi

 

 



Ultimo aggiornamento: 12/08/2020